Ares, il cucciolo di lupo abbandonato in una discarica

Nell’estate 2014 siamo stati contattati dal Servizio CITES Centrale di Roma che ci chiedeva disponibilità all’accoglienza di un esemplare cucciolo, presumibilmente appartenente alla specie Canis lupus, rinvenuto abbandonato all’interno di un sacchetto di plastica nel comune di Melfi.

Il sospetto maggiore è che vi sia stato un grave episodio di bracconaggio a carico del branco di appartenenza, infatti il cucciolo al momento del ritrovamento aveva il pelo imbrattato di terra e di sangue.
Il Corpo Forestale dello Stato di Roma era stato a sua volta contattato dai colleghi del comando stazione di Melfi che non sapevano a quale struttura poter affidare suddetto esemplare.

Il cucciolo, trovato da un privato cittadino che lo aveva temporaneamente preso in custodia, dalle successive indagini genetiche effettuate dal Centro Nazionale di Referenza di Medicina Legale Veterinaria dell’Istituto Zooprofilattico delle Regioni Lazio e Toscana, sezione di Rieti, è risultato essere un individuo ibrido.
L’esemplare ci è stato consegnato in data 21 agosto 2014; al momento dell’affidamento era in buone condizioni generali e non presentava nessun comportamento di confidenza nei confronti dell’uomo.
Come da protocollo abbiamo inviato un campione ematico del soggetto al laboratorio di genetica di I.S.P.R.A.

Anche dal referto di questo istituto l’esemplare è risultato essere un ibrido lupo x cane; a seguito del parere del suddetto Istituto l’animale è stato sottoposto ad un breve intervento di sterilizzazione chirurgica (vasectomia).
Dopo un iniziale periodo di degenza all’interno di un’area di prima accoglienza, il giovane lupo è stato trasferito in uno dei recinti di riabilitazione dove è accolto ancora oggi.
Ares, questo il nome che è stato dato al lupo da chi lo ha trovato, oggi vive insieme a Lara una giovane femmina vittima di un atto di bracconaggio con la quale ha la possibilità di relazionarsi e socializzare.
Purtroppo la scelta della Regione Basilicata è stata quella di non autorizzare il rilascio di Ares in natura, pertanto dovrà rimanere per sempre in cattività e come Centro abbiamo deciso di ospitarlo in via definitiva a nostre spese.

Guarda il video che racconta la storia di Ares e del suo incontro con Lara

Purtroppo non sempre le cose vanno nella direzione per cui lavoriamo e così è stato per noi con questi due lupi.
Ma oggi Ares e Lara con la loro storia sono due importanti ambasciatori e il loro aiuto per la riabilitazione di altri lupi cuccioli qui al Centro è ed è stata fondamentale.

Come Centro collaboriamo fattivamente con il Wolf Apennine Center e riteniamo che un buon esempio di gestione degli individui ibridi, possa essere proprio l’approccio a questi animali contemplato all’interno del Progetto Life M.I.R.CO lupo, un progetto europeo che mira a ridurre l’impatto del randagismo canino sulla conservazione del lupo, occupandosi in particolare della gestione degli ibridi catturati o rinvenuti feriti, prevedendo la loro sterilizzazione e il rilascio in natura.
Riteniamo infatti che questa linea gestionale sia ad oggi la migliore da adottare, sia da un punto di vista biologico, sia dal punto di vista del benessere animale, che da un punto di vista economico, poiché evita di dover mantenere a vita animali in cattività e infine dal punto di vista della ricerca poiché, grazie a questi individui, ci è possibile raccogliere dati importanti per una migliore conoscenza di questo fenomeno.

 

You are donating to : Centro Tutela Fauna

How much would you like to donate?
€5 €10 €20
Would you like to make regular donations? I would like to make donation(s)
How many times would you like this to recur? (including this payment) *
Name *
Last Name *
Email *
Phone
Address
Additional Note
Loading...